psicoterapia

19 Febbraio 2021

Adolescenti e Psicoterapia


La Dott.sa Valentina Dal Cin, psicologa e psicoterapeuta, ci parla del delicato momento dell’adolescenza e di come un percorso di psicoterapia possa aiutare a superare con sicurezza questa fase, complicata, speciale e carica di novità per aiutare gli adulti di domani ad accettarsi in modo costruttivo.
Buona lettura!

1. Il periodo incerto che stiamo vivendo e la complessità di quello appena passato ha modificato il modo di comportarsi e di sentire degli adolescenti? Come affrontare questi cambiamenti? Sono emerse nuove patologie?

L’isolamento sociale e la mancanza di contatto con i pari, la convivenza forzata e prolungata con i genitori, le mancate esperienze scolastiche e sportive, lo stare rinchiusi nelle proprie stanze per gran parte della giornata e la conseguente iper-connessione al web sono i cambiamenti più rilevanti a cui sono stati sottoposti gli adolescenti a causa dell’emergenza sanitaria.

Queste imposizioni sono in netto contrasto con le spinte evolutive tipiche del periodo adolescenziale. Dalle utlime ricerche condotte sugli adolescenti emerge un quadro critico di malessere generale, gli stessi ragazzi e ragazze si descrivono come più apatici, stanchi e preoccupati per il futuro: le emozioni che provano sono ansia, incertezza, incapacità di immaginare il futuro e tristezza dovuto all’isolamento sociale.

Gli aspetti sintomatologici che vengono interessati sono principalmente:
- Alterazione del comportamento e dell’umore (crisi di rabbia, tristezza, irritabilità, …)
- Alterazione del ritmo sonno-veglia
- Disturbi legati alla sfera alimentare
- Disturbi d’ansia
- Depressione
- Isolamento e ritiro sociale
- Dipendenza tecnologica

Per aiutare gli adolescenti ad affrontare con più consapevolezza quello che gli sta accadendo è importante:
- Condividere in famiglia le emozioni, i vissuti e le difficoltà che stanno vivendo
- Dargli fiducia e responsabilità perché sentano di essere pensati e persone su cui si può continuare ad investire
- Incentivare e stimolare a frequentare i coetanei, ambienti educativi e sportivi, per quanto sia permesso dalla normativa ministeriale
- Informarsi e interessarsi su quello che fanno nel web e con i videogiochi
In generale è importante porre attenzione agli stati d’animo, cambi d’umore, comportamenti insoliti, cambio di abitudini e chiusura, segnali che possono indicare la presenza di una problematica, in questo caso si consiglia di rivolgersi ad uno specialista dell’età evolutiva

2. Cosa spinge un adolescente a rivolgersi ad uno psicoterapeuta? Quali sono le criticità e le specificità di questo momento della crescita?

L’adolescenza è un periodo di sfide importanti che hanno lo scopo di aiutare il ragazzo e la ragazza a definire la propria identità e traghettarli nella fase adulta.

Possiamo identificare quattro grandi sfide:
- Distanziarsi dal nucleo famigliare attraverso il contatto con il gruppo dei pari
- Costruire la propria identità attraverso la messa in atto del processo di individuazione
- Accettare i cambiamenti del corpo rimodellando la propria immagine corporea, imparare a rispettare e abitare il proprio corpo
- Entrare nel mondo sociale attraverso la scoperta e l’affinamento delle proprie competenze, costruendo così il proprio ruolo sociale e professionale

Di fronte a queste sfide evolutive le emozioni che emergono sono di ansia, incertezza, paura, tristezza, frustrazione. Nelle situazioni di fragilità le sfide evolutive e i numerosi cambiamenti a cui l’adolescente è sottoposto possono dar luogo a sintomatologie molto differenti, quali ansia, attacchi di panico, disturbi emotivi e relazionali, disturbi depressivi, disturbi del comportamento alimentare, condotte autolesive, ritiro sociale e dipendenza tecnologica. In questi casi è consigliabile rivolgersi ad uno specialista. Inoltre, sempre più spesso, l’adolescente d’oggi chiede aiuto ad uno psicoterapeuta mosso da una motivazione ancora più personale e autentica: ha necessità di comprendere ciò che gli sta accadendo, di essere ascoltato e riconosciuto, chiede un aiuto competente per gestire i vissuti e i conflitti che caratterizzano questa delicata fase della vita.

3. In cosa consiste il percorso di psicoterapia con un adolescente?

In un percorso di psicoterapia con l’adolescente, ancora più che con l’adulto, è importante creare l’alleanza e ottenere la sua fiducia attraverso un ascolto empatico, attento e privo di giudizi. L’adolescente necessita di sentirsi accolto e accettato. È importante mantenere una relazione esclusiva con il ragazzo o la ragazza, senza intromissioni da parte dei genitori: deve sentire che quel luogo e quello spazio è dedicato esclusivamente a lui o a lei. Gli incontri periodici che si fanno con i genitori sono concordati con il ragazzo o in alcuni casi vengono condotti da un altro professionista in parallelo.

Il percorso di psicoterapia, generalmente, prevede una seduta a settimana. Le tecniche utilizzate sono principalmente il colloquio attraverso il quale l’adolescente può esprimere i propri vissuti e le proprie difficoltà, ma non solo, a seconda della predisposizione e delle caratteristiche del ragazzo o della ragazza si propone l’utilizzo di disegni, storie, colori e altri materiali per facilitare l’espressione dei propri vissuti.
Inoltre, ci si avvale anche di una tecnica di rilassamento per aiutare l’adolescente a prendere maggiore consapevolezza con il proprio corpo, gestire i vissuti d’ansia e le proprie emozioni.

La Dott.ssa Dal Cin riceve nella nostra sede di San Vendemiano. Per info e prenotazioni potete contattare la nostra segreteria al numero 0438 451711 o via mail scrivendo a sanvendemiano@physiomedgroup.it